Harriet Rutland

Rutland Harriet

Harriet Rutland (1901-1962), pseudonimo di Olive Seers, era figlia di un agiato imprenditore edile di Birmingham, Inghilterra centrale. Divenuta insegnante, nel 1926 sposò il microbiologo John Shimwell e nel 1931 si trasferì col marito nei pressi di Cork, in Irlanda, dove lui aveva trovato lavoro presso una fabbrica di birra. Uno stabilimento idroterapico vicino a casa loro le fornì l’ambientazione del romanzo d’esordio, Knock, Murderer, Knock! (1938), ma, per evitare problemi, decise di ricollocarlo in una cittadina immaginaria del Devon. A questo seguì Bleeding Hooks (1940), che si svolge in un albergo del Galles per appassionati di pesca. I libri ricevettero un’ottima accoglienza in patria e negli Stati Uniti e la scrittrice venne salutata come un astro nascente della narrativa gialla. Nel 1939 i coniugi si erano trasferiti a Londra, dove era nato il loro primo figlio, per poi trovarsi, l’anno successivo, sotto le bombe naziste. Ciononostante, alla fine del 1942, la scrittrice diede alle stampe Blue Murder (L’inquilino del piano di sopra - I bassotti n. 183), il suo terzo e ultimo mystery, che ben riflette il frangente storico in cui fu scritto. Il romanzo, ripubblicato di recente in lingua originale, è stato lodato dai moderni recensori per “l’intreccio niente affatto convenzionale” e per offrire ai lettori “un caso perfetto, e maledetto”.


L’INQUILINO DEL PIANO DI SOPRAHarriet Rutland

L’INQUILINO DEL PIANO DI SOPRA


DAL 19 OTTOBRE IN LIBRERIA! Gli Hardstaffe sono quel tipo di famiglia che oggi definiremmo disfunzionale. Mr Hardstaffe, preside della scuola del villaggio di Nether Naughton, vicino a Londra, è un ometto dal temperamento tirannico e arrogante che è sposato con una donna lamentosa e ipocondriaca per cui nutre solo disprezzo. Lui in realtà ha perso la testa per la giovane collega Charity Fuller, ma la ragazza, pur ammirandolo, è restia a intrecciare una relazione con...